Swipe to the left
Categoria: Impiantistica

Come scegliere un termostato, tipi e tecnologie

Come scegliere un termostato, tipi e tecnologie
By CMT 1 anni fa 640 Visualizzazioni Nessun commento

L’inverno è ormai arrivato e ci si aspetta un bel periodo di freddo. Non c’è niente di meglio di stare in casa al calduccio, con il riscaldamento acceso. Ovviamente questo vuol dire anche un alto consumo di energia, soprattutto se si vuole avere un ambiente sempre confortevole e ricco di calore.

Un modo per avere una gestione più precisa ed intelligente della climatizzazione e quindi di conseguenza dei consumi energetici, è quello di utilizzare un termostato o un cronotermostato. Eppure ognuno ha delle esigenze differenti, quindi come scegliere il termostato più adatto a noi?

Come funziona un termostato

Il termostato è installato nelle case con riscaldamento autonomo e ha lo scopo di misurare e regolare la temperatura di un ambiente in modo da tenerla costante. Questi apparecchi infatti permettono di stabilizzare il clima anche a seconda di variazioni, come ad esempio la presenza di persone all’interno di una stanza o del calore generato da qualche elettrodomestico.

In questo modo è possibile avere una casa più confortevole e avere un risparmio, evitando lo sprechi di calore e di energia. Il termostato accende e spegne la caldaia in base alla temperatura impostata, mantenendola stabile, anche durante la notte oppure quando si è assenti.

È possibile quindi programmare lo spegnimento e l’accensione di un termostato in modo che stia acceso finché non raggiunge la temperatura giusta, oppure come vedremo, nei casi dei cronotermostati, per un intervallo orario preciso.

Tipi di termostati

Si suddividono i termostati solitamente in due tipi a seconda dello strumento che utilizzano per rilevata la temperatura e possono essere:

  • Termostato meccanico: in questo apparecchio la temperatura esterna è rilevata da un fluido o di solito una lamina. Con l’aumento del calore questi si deformano, diventando quindi una sorta di interruttore.
  • Termostato elettronico: il rilevatore della temperatura è un resistore inserito all’interno di un circuito elettronico che stabilisce l’accensione e lo spegnimento del dispositivo.

Inoltre si può scegliere di installare un cronotermostato. Si differenzia dai normali termostati dal funzionamento: se infatti un normale termostato si accende con le variazioni di temperature grazie all’interruttore on/off, i cronotermostati si differenziano dalla possibilità di decidere le fasce orarie in cui mettere in funzione l’impianto di riscaldamento, definendo anche diverse temperature per diverse fasce orarie.

Il cronotermostato infatti va messo in funzione impostando la fascia oraria e di accensione e di spegnimento del timer, assieme alla temperatura stabilita.

I cronotermostati possono essere giornalieri, cioè si accendono con ad orari regolari tutti i giorni della settimana, oppure settimanali, che permettono cioè di impostare diverse fasce orarie ogni giorno.

Quale termostato scegliere

Il primo fattore da prendere in considerazione per la scelta di un termostato è quella delle abitudini degli abitanti della casa. Se la routine è più o meno la stessa ogni giorno, è consigliabile l’utilizzo di un termostato giornaliero; viceversa se non si seguono le stesse abitudini e gli orari sono differenti, è preferibile utilizzare un termostato settimanale.

Nel nostro store potrete trovare termostati e cronotermostati di più tipi, per le esigenze più disparate. Sono presenti infatti sia modelli digitali che analogici, oltre che settimanali oppure giornalieri. Tra i marchi che offrono una migliore rapporto qualità prezzo c’è la Fantini Cosmi, azienda specializzata nella produzione di questo tipo di dispositivi. Tra i prodotti più acquistati c’è il modello CH115, dal funzionamento semplice che permette 3 modalità di funzionamento, e un’impostazione basilare con tre temperature.